21 Luglio 2016 – Cinemadivino, Treviso

Con il caldo tornano le proiezioni di cinemadivino, torna Barolo Boys / the movie

Clipboard01

Per info: http://www.cinemadivino.net/friuli/evento/friuli-venezia-giulia-21-luglio-2016/

Ancora una recensione di Barolo Boys

E con i primi caldi non spuntano certo i funghi, ma le recensioni di Barolo Boys / the movie quelle sì. Eccone una pubblicata da MiVini, che contiene un’interessante citazione di Angelo Gaja: “”Non è che i produttori del Piemonte siano chiusi all’innovazione, assai più che in altre regioni molti di loro avvertono la forte necessità di integrarla con la tradizione procedendo per prove, passo dopo passo, senza strappo, con prudenza; mentre altri che non sentono questa necessità continuano a produrre i vini che amano di più”. “

dal sito MiVini

Barolo Boys: storia di una rivoluzione 

Nel bel mezzo dei primi veri giorni d’estate ci siamo imbattuti in un interessante documentario del 2014 diretto da Paolo Casalis e Tiziano Gaia, che racconta la fantastica storia di un gruppo di giovani produttori che a cavallo fra gli anni ’80 e ’90, attraverso scelte ritenute rivoluzionarie e tanta voglia di emergere, contribuirono a fare grande il Barolo e le Langhe rendendo vino e territorio attraenti agli occhi del mondo intero.
È la storia di Elio Altare e altri amici produttori che intrapresero nuove strade per cercare una sorta di ribalta dopo le frustrazioni derivanti dalle condizioni economiche e dalle incomprensioni con i padri padroni.
La “revolution” dei Barolo Boys passa senza alcun dubbio da importanti innovazioni tecniche ed enologiche, ma anche da nuove strategie in campo di marketing e nel settore commerciale, queste ultime guidate con abilità e astuzia da Marco de Grazia, importatore americano che permise ai giovani produttori di affermarsi in maniera decisiva negli Stati Uniti, ottenendo grande considerazione e smisurato affetto.
Per questi giovani pionieri la barrique divenne quasi una religione, cosa che non tutti digerirono, soprattutto alcuni storici produttori fedeli da sempre alle antiche tradizione della Langa.
Da una parte Elio Altare con le posizioni dei Barolo Boys, dall’altra la fermezza di Bartolo Mascarello, icona del Barolo e fermo contestatore della barrique. Il primo importatore di metodologie studiate e recepite nel viaggio in Borgogna del 1976, il secondo legato ai valori della tradizione in chiave futura.
Ancora oggi la crescita delle Langhe in particolare del Barolo è una contesa ideologica tra modernisti e tradizionalisti che scalda gli animi di produttori, critica, importatori, wine lovers, ecc…
Uno sguardo attento su questo intricato scenario ci piace ritrovarlo nelle parole di Angelo Gaja riportate nel volume “Storie di vino e cucina” edito da Mondadori, nel quale parla così dei suoi corregionali: “Non è che i produttori del Piemonte siano chiusi all’innovazione, assai più che in altre regioni molti di loro avvertono la forte necessità di integrarla con la tradizione procedendo per prove, passo dopo passo, senza strappo, con prudenza; mentre altri che non sentono questa necessità continuano a produrre i vini che amano di più”.
Insomma un documentario consigliato a tutti i curiosi del mondo del vino, agli innamorati degli straordinari panorami delle Langhe e dei suoi principali prodotti.
Al termine della proiezione sarebbe stato il caso di bere un buona annata di Barolo firmato dai tradizionalisti ed una dai modernisti, anzi magari due per tipo. Ci sarà tempo e modo di farlo, sapremo rendervene conto, intanto auguriamo buon visione a chi sceglierà di gustarsi questa pellicola.
Info: è possibile vedere il film in streaming (http://www.baroloboysthemovie.com) o scaricarlo direttamnte da Itunes, come abbiamo fatto noi.

 

Barolo Boys: The Power & Effects of International Wine Marketing

from UncorkedinItaly.com

“Barolo Boys” (2014) is a documentary about the Barolo “boom” in the nineties. The strength of the film is its success in chronicling how a group of family owned wineries (7 men + 1 woman)* changed the historical character of their wines for marketing purposes and what happened as a result. The story is important because versions of it occurred in many other parts of Italy. The echoes can still be heard today.

*Elio Altare, Chiara Boschs of E. Pira e Figli, Giorgio Rivetti of La Spinetta, Roberto Voerzio, Luciano Sandrone, Domenico Clerico, Giovanni Manzone, Enrico Scavino of Paolo Scavino, Renato Cigliuti and Roberto Damonte of Malvirà

What happened?
The Barolo Boys altered their methods in the vineyard and in the cellar to catch and ride a wave of stratospheric Parker/Wine Spectator point scores. Italo-American marketing expert, Marco De Grazia, took the group on tour in the United States and brought new wealth to them and to the area. But all of that had consequences in the community and provoked a counter movement toward “traditional” Barolo wine.

To Buy or Rent or on iTunes

As background to the film, it’s important to know that the United States was the fastest growing, largest and richest market for wine in the 80s and 90s. Robert Parker’s 100-point scale, which spread to the Wine Spectator and other publications, fueled sales based on Parker’s personal preference for fruit forward, robust, ready to drink reds. His palate aligned with that of most Americans.

So how do you get Nebbiolo wine, which has traditionally been highly tannic and austere with a need for long aging in the cellar, to score 100 points?

Answer:
– Prune bunches off the vines to concentrate their efforts on fewer grapes
(Create intensity of aroma and flavor)
– Allow the grapes to mature longer on the vine
(Add fruitiness, roundness and higher sugar content–higher alcohol)
– Shorten the period that fermenting wine remains with the skins
(Reduce tannins for less austerity)
– Use new barriques (small, French, wood barrels)
(Soften tannins and add aromas and flavors, like vanilla)
– Use additives, commercial yeasts, etc. to change the wine chemically in the cellar.
(All of the above)

The original group ranged from small to large producers (4,500-450,000 bottles annually). What they had in common was a feeling of frustration at working so hard to grow grapes but then, having to sell them in bulk at low prices or produce wines that were not recognized beyond the local area.

The film recounts both the rise of these “modernists” and the reaction that eventually rose up against them from the “traditionalists” like Giuseppe Rinaldi and Bartolo Mascarello, who made a label for his wine that revealed his thoughts on the matter. Whichever side people aligned with, it was clear that one effect of the Barolo Boys was a rift in the community.
No Barrique

The Barolo Boys’ boom also led to a gold rush where land prices skyrocketed and vines proliferated where once there had been woods, fruit trees, hazelnut trees, grain, grazing pastures and other crops. The monoculture that exists today has fundamentally changed the character of the area, reduced the health of the vines, and reduced the variety of aromas and flavors in the grapes.

monoculture

Many vines are grown with industrial methods (herbicides, insecticides, fungicides, fertilizers, etc.) and are heavily pruned to force the plant to concentrate efforts on the grapes. On a recent walk through vineyards above Barolo (castle in background), I took this photo.

conventional

Interestingly, some of the Barolo Boys wineries are following the market once again and leaving their “modern” methods in favor of a new marketing trend toward more authentic, terroir based, “natural” wines. The group no longer exists as such, and Marco De Grazia has moved to Mount Etna.

It is notable that some winegrowers in the area (and in other parts of Italy) never changed. They stayed with traditional, sustainable, “natural” mentors in the vineyard and in the cellar. (See winegrowers on this blog…and more stories coming soon from Piemonte!)

They plant only a small part of their acreage…
vines with woods

Allow all kinds of flora and fauna to grow in the vineyards…
eugenio

flowers

Allow their vines to find their own equilibrium by not pruning the tops or conducting heavy pruning of bunches.
happy vines

And intervene as little as possible in the cellar.

The fascination of Italy remains the natural diversity of land, climate, soil, altitude, exposition, grape variety and winegrower personality. Wine has been made here for over 3,000 years and is deeply rooted in the culture, a fact that no point score or ranking can easily change.

Published: June 22, 2016

For more information on Barolo wineries or on planning a trip to the area,contact Eleanor.

Barolo Boys – historia winiarskiej rewolucji

You don’t understand it? it’s Polish!

Nie przegap nowości od Kuchnia+. Subskrybuj nasz kanał na YouTube https://goo.gl/Bu0b9B

Langhe, piękny region w północno-zachodnich Włoszech. To właśnie stąd pochodzi jedno z najbardziej rozpoznawalnych włoskich win – Barolo. Poznaj historię tego unikalnego trunku!

Więcej dowiesz się na http://www.kuchniaplus.pl/

Oglądaj najnowsze programy w Kuchnia+.

Thu 11 August 2016, Glasgow

from CCA Programme
Barolo Boys: The Story of a Revolution

Thu 11 August 2016

Cinema Paradiso: A selection of films from CineFesta Italia

BAROLO BOYS: THE STORY OF A REVOLUTION

Documentary, not rated, 64 minutes, in English and Italian with subtitles, 2 p.m. Saturday, June 4, Jean Cocteau Cinema, 3 chiles

What is identity? asks this 2014 film about one of the great wine success stories of the last century. Barolo wine took the international wine stage by storm in the 1980s and ’90s. This affectionately told story from directors Paolo Casalis and Tiziano Gaia focuses on the “Barolo boys,” a handful of Nebbiolo grape-growers who set off a wave of technical innovations in winemaking techniques starting in the 1970s. Filmed in the lush Langhe region, now a UNESCO World Heritage Site, and featuring intermittent visits by a brass band, which marches up and down the vineyards trumpeting the enormous pride of these winemakers, the film is irreverent and breezy in classic Italian fashion, with a somewhat meandering narrative that sometimes falters. Still, passion and dedication shine through in interviews with vintners like Elio Altare, an iconoclast who had the vision to deviate from established methods and thus kicked off a revolution in winemaking. As one subject in the film puts it, “We had the power to change things, which is the best thing you can have in life.” — M.B.

Recensione del film su Das Kabarett

Dal sito Das Kabarett

[Andar per gusti] Elio Altare, Renato Cigliuti, Domenico Clerico, Renato Corino, Matteo Correggia, Franco Minuto, Giorgio Rivetti, Luciano Sandrone, Enrico Scavino e Marc De Grazia, insieme a Chiara Boschis, the Girl One, sono iBarolo Boys: si tratta di un gruppo di imprenditori che hanno rivoluzionato la produzione del più famoso e importante vino piemontese. Siamo nella bassa Langa, precisamente in provincia di Cuneo, proprio nella zona dove nacque Cavour. Qui, da tempi lontani, in questa sorta di Mesopotamia italiana (tra il fiume Tanaro e il suo affluente Belbo, un torrente molto “vivace”), dal Nebbiolo si produce un vino dalla spiccata personalità e dalla fortissima impronta locale, che però denota una scarsa cura della sua “piacevolezza”. Le botti sono vecchie e tarlate e le condizioni igeniche di maturazione non ottimali. Il destino di quegli abitanti sembra segnato da un’irrimediabile ereditarietà della miseria, con scarsissima spinta ad innovare: la tradizione è quasi una condanna. Ma negli anni Sessanta e Settanta poco alla volta crescono uomini e donne che trovano un po’ stretto questo mondo e i progressi della società danno l’avvio  a una piccola rivoluzione. Dei giovani, figli di contadini, cominciano a osservare ciò che li circonda, ciascuno dal suo posto, si riuniscono e formano una specie di alleanza per cambiare le cose: è così che tra gli anni ’80 e gli anni ’90 la produzione del Barolo cambia del tutto aspetto


L’epopea dei Barolo Boys (2014, tit. or. Barolo Boys. History of a Revolution), scritto e diretto da Paolo Casalis e Tiziano Gaia, racconta questa storia con garbo e un discreto equilibrio. La voce narrante di Joe Bastianich è poco meno che un cammeo, perché a prevalere sono i volti e le opinioni dei protagonisti di tutta la controversia tra la tradizione e lo strepitoso successo commerciale dei Barolo Boys, fino ai 100 punti di Robert Parker, ai Tre Bicchieri del Gambero Rosso e oltre. Non c’è nessun progetto agiografico (anzi) e le voci discordanti trovano il loro spazio, perfino i ripensamenti o comunque le rettifiche: quella che sembrava una svolta epocale ad opera di una comitiva inossidabile di amici e collaboratori si risolve in breve in una moda (in apparenza) senza sbocco e senza futuro, che viene caricata in più dalla responsabilità di aver fatto uno sgambetto alla tradizione. Di quell’entusiasmo globale per la barrique, che aveva acceso gli animi per il legno nuovo, l’aroma di vaniglia, la maggiore freschezza e la più rapida bevibilità, restano però i risultati che sono sotto gli occhi di tutti: una cura maggiore per il prodotto e per il dialogo con i suoi fruitori e un’esportazione oltre i confini delle Langhe (che, per parte loro, proprio nel 2014 sono state incluse dall’U.N.E.S.C.O., insieme a Monferrato e Roero, nella lista dei beni patrimonio dell’umanità). Che questo dipenda da un momento di euforia per il mondo del vino e per unboom economico e culturale ormai lontanissimo, a me interessa fino a un certo punto: l’entità della rivoluzione non si dovrebbe misurare dalla sola sua persistenza, bensì dalla capacità collettiva di gettare uno sguardo nuovo su ciò che viene trasformato fin quasi a ricodificarlo. Né mi interessa o mi stupisce la breve durata di questo sodalizio, prima che i singoli produttori prendessero ciascuno la sua strada: l’alleanza ha comunque sortito i suoi effetti quando serviva.

Il gusto del Barolo in quella precisa stagione è già stato superato? Certo, e anche dopo; ma se l’importanza del vino (anche grazie a questa sfida, o a quest’abbaglio, come qualcuno lo considera) è cresciuta, e così la cura al prodotto, ciò lo si deve anche ai Barolo Boys.

Roberto Oddo

How a tiny Italian village revolutionised the world of wine

from DocSupper.com

Barolo is delightful little medieval hamlet in Piedmont’s beautiful Langhe wine region in the North West of Italy. It’s also the site of one of the most remarkable food revolutions of the 21st Century.

In the 1980s, Barolo wines weren’t recognized internationally. The wines were known to age beautifully, but couldn’t be enjoyed in their youth as the tannins were so strong. Wine makers lacked capital to buy tractors and other critical tools, and winemaking techniques weren’t up to modern standards of cleanliness as a result.

A group of local wine makers decided a revolution was needed.

This group became known as the ‘Barolo boys’, completely transforming the world of Barolo wine and winemaking more broadly. Their story is a story of the clash between tradition and modern innovation.

Elio Altare

Revolutions start when bellies are empty- Elio Altare (Wine and Revolution Maker)

The Barolo Boys

Barolo Boys the documentary explores this revolution, the positives and the negatives. It also tells the personal story behind the scenes – a tale of friendship and spirit of the people behind the transformation and the resulting success.

Join DOC:Supper on the 28th of April (from 7.30 pm) to watch Barolo Boys @ The Proud Archivist in Haggerston.

Get your ticket here and secure your seat.